US Open: Paolo Lorenzi gioca un’incredibile partita ma deve arrendersi ad Andy Murray

(Mike Hewitt/Getty Images North America)

Paolo Lorenzi ha giocato una splendida partita contro Andy Murray ma si è dovuto arrendere in quattro set al terzo turno degli US Open

Dopo aver sconfitto in quasi cinque ore di gioco il francese Gilles Simon al secondo turnoPaolo Lorenzi si è arreso con onore al numero due del ranking ATP Andy Murray col punteggio di 7-6(5) 5-7 6-2 6-3.

Il senese ha giocato una partita di altissimo livello, riuscendo a mettere in seria difficoltà Murray specialmente nei primi due set. 

Prima frazione assolutamente equilibrata fino al sesto game, quando un ottimo Lorenzi annulla quattro palle break a Murray e riesce a portarsi sul 3-3.
Nel nono gioco Paolo Lorenzi fa miracoli e riesce a strappare la battuta allo scozzese, recente medaglia d’oro alle Olimpiadi di Rio de Janeiro, portandosi a servire per il match sul 5-4.
Nel decimo gioco, impaurito ed incredulo per ciò che stava succedendo, l’azzurro si irrigidisce e commette diversi errori (tre con il dritto, uno con il rovescio), facendo rientrare nel set l’avversario.
L’esito del primo set si decide al tiebreak, con Murray che lo vince per sette punti a quattro.

Parte in salita il secondo set di Lorenzi, che si ritrova subito sotto di un break.
La grandissima voglia di lottare, che lo contraddistingue da tanti altri giocatori del circuito maschile, non manca, e il senese lo dimostra immediatamente, contro-brekkando, addirittura a zero, Andy Murray.
Sull’1-1, Lorenzi va alla battuta e mette a segno quattro punti su quattro, per un totale di otto punti di fila dallo 0-1.
Il sesto gioco regala a Lorenzi un break inaspettato: sul 30-40, Murray commette un gravissimo doppio fallo e si ritrova sotto nel punteggio per 2-4.
Il break di vantaggio in favore del tennista senese, da lunedi prossimo nuovamente al numero uno d’Italia, dura fino al nono gioco, quando un errore di rovescio permette allo scozzese di riavvicinarsi pericolosamente.
Nel dodicesimo gioco, con Lorenzi avanti per 6-5, Murray perde la battuta a quindici, complice un dritto sbagliato con i piedi dentro al campo, e permette all’italiano di aggiudicarsi la seconda frazione col punteggio di 7-5.

Nel terzo set sembra cominciare a funzionare il gioco di Murray, che soffoca letteralmente l’italiano.
Dopo aver brekkato a trenta nel primo game, Andy, seguito attentamente da Ivan Lendl e Jamie Delgado dal box, si ripete nel quinto gioco, portandosi avanti di due break.
Sull’1-5, Lorenzi annulla un set point e vince il gioco ai vantaggi, allungando però di pochi minuti la fine del parziale, vinto da Murray col punteggio di 6-2.

Rammarico per Paolo Lorenzi nel gioco d’apertura del quarto parziale.
Avanti per 40-15, l’azzurro subisce il ritorno dello scozzese, che conquista il break ai vantaggi iniziando il set nel miglior modo possibile.
Nel secondo game, Murray concede a Lorenzi una possibilità di controbreak, ma l’azzurro non riesce a sfruttarla, compromettendo in maniera evidente l’esito finale del match.
Anche nel sesto gioco non manca una chance di break in favore dell’italiano, che si è fatto sorprendere ancora una volta. Lo scozzese si trovava sul 30-15 quando ha commesso ben due doppi falli di fila, senza gravi conseguenze, prima di vincere il game ai vantaggi.
Sul 5-3 Murray tiene il servizio a zero; successivamente, sul 40-40 del nono gioco, Lorenzi commette un doppio fallo che porta il britannico al primo match point, non sfruttato per colpa di un errore col dritto.
Altro match point, ed è quello buono: Paolo Lorenzi mette in corridoio un rovescio e si arrrende, con onore, dopo oltre tre ore e venti minuti di gioco.

RISULTATO FINALE:
(2) Murray b. Lorenzi 7-6(4) 5-7 6-2 6-3

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here