US Open, ottava giornata: sorprende Ana Konjuh. Bene Serena Williams e Halep

(Al Bello/Getty Images North America)

Ana Konjuh è la vera protagonista di questa giornata degli US Open, grazie al netto successo ottenuto ai danni della Radwanska. Avanzano senza problemi Serena e la Halep

Konjuh b. (4) Radwanska 6-4 6-4

È Ana Konjuh la vera sorpresa di questa ottava giornata degli US Open: la giovane croata ha superato nettamente la quarta testa di serie del torneo, Agnieszka Radwanska, apparsa in costante difficoltà nel corso di tutto l’incontro.
La Konjuh ha offerto, invece, una buona performance, soprattutto alla battuta (ha perso solo una volta il servizio) mostrando quella caparbietà necessaria per fare il salto di qualità decisivo nel nostro sport.
Nel primo set, la Konjuh, sotto 2-0, ha recuperato il break di svantaggio, portandosi poi a condurre per 4-3 e servizio.
Nel decimo game, alla battuta per il set, la croata ha annullato una pericolosa palla break, chiudendo poi la frazione per 6-4, alla seconda palla set utile.
Nel secondo parziale, la polacca ha perso a 15 il servizio nel nono game, con la Konjuh brava a tenere facilmente la battuta nel gioco successivo vincendo cosi l’incontro più importante della carriera.

(1) S. Williams b. Shvedova 6-2 6-3

Rapida vittoria di Serena Williams che, intenzionata più che mai a mantenere la leadership della classifica mondiale, ha lasciato appena cinque giochi all’ostica kazaka Shvedova che, in passato, aveva già dimostrato di poter fare partita pari con lei, grazie ad un tennis potente e vario.
Qui a New York, però, Serena ha servito alla perfezione (nessuna palla break concessa) e, anche in risposta, ha tenuto costantemente sotto pressione la seconda di servizio della kazaka.
Nel primo set, Serena, avanti 5 giochi a 2, grazie al break ottenuto nel secondo gioco, ha strappato nuovamente la battuta alla Shvedova, chiudendo cosi il parziale per 6-2.
Poco equilibrio anche nel secondo set: la Willims ha breakkato l’avversaria nel sesto gioco; avanti 5 giochi a 3, Serena ha tenuto a 30 la battuta vincendo cosi la partita per 6-3.

(10) Pliskova b. (6) V. Williams 4-6 6-4 7-6(3)

Grandissima vittoria di Karolina Pliskova che ha eliminato dopo oltre due ore di lotta una sempre rediviva Venus Williams che, alla suonata età di 36 anni, sta sempre più dimostrando di meritare il suo posto ormai fisso in top 10.
La ceca è stata brava a portare a casa un incontro molto duro, in cui la potenza e la forza fisica hanno prevalso sull’intelligenza tattica, offrendo comunque uno spettacolo molto intenso ed emozionante.
Nel primo set, partenza super della maggiore delle sorelle Williams, brava a portarsi subito avanti 5 giochi a 1, prima di subire un pesante parziale di 3-0, con la Pliskova che si è nuovamente fatta sotto sul 4-5.
Nel decimo gioco, però, la ceca, al servizio per rimanere nel set ha perso a 30 la battuta e con essa il parziale per 6-4.
Nella seconda frazione, Venus, avanti 3 giochi a 1, ha subito nuovamente un duro parziale di quattro giochi a zero, con Karolina brava a volare sul 5-3.
Al servizio per il set, avanti 5-4, la ceca non ha tremato tenendo a 15 la battuta (anche grazie ad un ace) e aggiudicandosi il parziale per 6-4.
Che lotta nel terzo set: la Williams è stata brava a recuperare un break di svantaggio nell’ottavo gioco prima di sprecare una palla match nel decimo game con la Pliskova al servizio.
Nel dodicesimo gioco, la ceca, avanti 6-5 e servizio, ha mancato tre match point consecutivi (dal 40-0) cedendo la battuta ai vantaggi.
Si è arrivati cosi al tie-break: la Pliskova, per nulla demoralizzata dall’occasione sprecata è subito volata avanti 6-2, chiudendo poi la frazione e con essa il match per 7 punti a 3.

(5) Halep b. (11) Suarez Navarro 6-2 7-5

Ottimo successo di Simona Halep: la tennista rumena è riuscita ad approdare ai quarti di finale degli US Open grazie alla facile vittoria ottenuta ai danni di Carla Suarez Navarro, undicesima testa di serie.
Troppo più forte la rumena, brava a comandare il gioco, togliendo i punti di riferimento all’avversaria, apparsa fin dai primi game in costante difficoltà soprattutto alla battuta: la spagnola ha provato in entrambi set a contrastare il tennis spumeggiante di Simona, cercando di variare il più possibile il gioco ma lo sforzo porfuso non è stato sufficiente per evitare la sconfitta.
Nel primo set, la Halep, avanti 4 giochi a 0 ha subito il ritorno della spagnola, brava a rifarsi sotto vincendo due game di fila; la rumena, annullata una pericolosa palla game, ha quindi nuovamente strappato la battuta alla Suarez, chiudendo la frazione per 6-2, dopo aver tenuto a 15 l’ultimo turno di servizio.
Nel secondo parziale, Simona si è fatta rimontare per due volte un break di vantaggio, sul 2-1 e sul 5-4 (quando era al servizio per il match), con la spagnola che è stata brava a riportare in equilibrio il match sul 5-5.
La Halep ha piazzato però da quel momento un parziale di 8 punti a 3, chiudendo l’incontro per 7-5, dopo aver tenuto a 30 (dallo 0-30) il servizio nel dodicesimo gioco.

Davide Tarallo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here