Stefano Travaglia dopo il titolo in singolo e la finale in doppio a Paguera: “Nonostante le condizioni difficili sono riuscito a non farmi condizionare da fattori esterni”

Intervista esclusiva a Stefano Travaglia dopo il titolo in singolo e la finale in doppio all’ITF da 15.000 $ di Paguera

Stefano Travaglia si racconta ai nostri microfoni dopo il titolo vinto al future da 15.000 dollari di Paguera. In finale il 25enne ha battuto lo spagnolo Martinez Portero col punteggio di 7-5 6-1.  Ottimi risultati anche in doppio per Travaglia che, dopo aver vinto il titolo a Manacor in coppia con Filippo Leonardi la settimana scorsa, ha raggiunto la finale, sempre in coppia con Leonardi.

Ciao Stefano, vieni da un ottimo titolo in singolo al futures di Paguera in Spagna. Sei soddisfatto di questa tua settimana?
Sono davvero molto soddisfatto. La settimana scorsa ho giocato a Manacor e le condizioni erano totalmente diverse da quelle di questa settimana, in cui c’è stato davvero molto vento. Sono contento della vittoria perché sono riuscito ad adattarmi e a pensare partita su partita senza farmi condizionare da fattori esterni.

Prima di arrivare in finale hai battuto in sequenza Toby Martin, Guy Den Heijer, Pedro Cachin, David Vega Hernandez. Analizziamo un po’ i tuoi avversari partita per partita.
Nella prima partita contro l’inglese non ero partito molto bene e infatti mi trovavo sotto 4-1 nel primo set. Lui era molto solido e comunque rodato dalle qualificazioni anche se probabilmente nel secondo set ha risentito il match che aveva giocato il giorno prima, che si era concluso 7-6 al terzo set. Ha fatto errori che credo normalmente non avrebbe fatto.
Nella seconda partita contro l’olandese che aveva ricevuto una wc per aver vinto le pre qualificazioni, è stata una partita in cui ancora una volta ero partito male. Per fortuna sono riuscito a stare sempre sopra piazzando il break decisivo sul 4 pari del secondo set. Mi sono sentito molto più a mio agio rispetto al primo match.
Nei quarti contro Cachin, mio avversario anche a Manacor nei quarti la settimana scorsa, sono riuscito a vincere il primo set mentre il secondo è stato una grande lotta a alla fine l’ha spuntata lui al tiebreak per 7 punti a 5. Nel terzo set sono partito subito bene e ho mantenuto il vantaggio per poi piazzare il secondo break e vincere per 6-1.
Contro Vega Hernández in semifinale sono partito bene senza concedere niente, una partita dove ho concesso poco e ho concretizzato le chance che ho avuto e le statistiche lo confermano.

In finale hai battuto lo spagnolo Martinez Portero? Che match è stato? Qual è stato il fattore chiave?
In finale contro Martinez Portero c’è stato un alternarsi di break nel primo set a causa del vento che ha condizionato un po’ tutti e due. Sono riuscito a chiudere il primo set 7-5. Nel secondo set ho incontrato meno difficoltà, sono stato più solido e concreto di lui, che era molto nervoso e con poca pazienza.

Ottimo inizio di stagione anche in doppio per te, dove hai vinto un titolo la settimana scorsa e raggiunto la finale in questa. Sempre in coppia con Filippo Leonardi. Come ti sei trovato a giocare con lui? Vi conoscete anche fuori dal campo?
Io e Filippo siamo amici fuori dal campo. La settimana scorsa siamo riusciti a vincere e questa settimana siamo arrivati in finale dove abbiamo incontrato una coppia molto forte che purtroppo ci ha sconfitto per 6-1 6-3. Mi sono trovato bene e anche lui con me. Sicuramente questo doppio si ripeterà in altri tornei più in là nella stagione.

In finale avete perso in due set contro Pedro Martinez Portero e Gerard Granollers Pujol. Qualche parola sul match?
È stata una partita molto dura per noi, i nostri avversari hanno giocato davvero bene e sono restati solidi per tutto il corso del match. Ero molto stanco dopo il match di singolare contro Cachin, per questo non ho potuto esprimere il mrglio. Resto comunque soddisfatto della nostra settimana.

Quanto è importante secondo te giocare anche il doppio oltre al singolare a questi livelli?
Secondo me il doppio è importante al di là della partita in sé ma per provare colpi che non alleni in una partita di singolare, specialmente servizio e risposta.

Il tuo calendario quali tornei prevede ora? Quali sono i tuoi obiettivi per la stagione appena iniziata?Il mio calendario prevede altri tornei da 15.000 dollari di montepremi nelle prossime 4 settimane, ancora non ho deciso dove giocare però.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here