Stefano Napolitano e Gianluigi Quinzi ricevono una wild card per il main draw del BFD Challenger di Roma

( Julian Finney / Getty Images Europe )

La Federtennis ha assegnato una wild card per il tabellone principale del BFD Challenger di Roma a Stefano Napolitano e Gianluigi Quinzi

Stefano Napolitano originario di Biella viene certamente da un’ottima stagione, che lo ha visto protagonista soprattutto nel circuito Challenger, dove in vari tornei ha raggiunto i quarti di finale. Tra le sue migliori prestazioni in stagione si registrano le semifinali al Challenger di Ostrava, in Repubblica Ceca, partendo dalle qualificazioni e nel suo torneo di casa a Biella e la finale al Challenger di Todi nel mese di luglio, persa dal serbo Zekic, che resta il suo miglior risultato stagionale. Per quanto riguarda i tornei del Grande Slam Napolitano ha partecipato alle qualificazioni dello US Open, dove ha avuto un tabellone molto complicato e ha infatti perso al primo turno contro la testa di serie numero 2 Kravchuk. 

Il 21enne piemontese si trova al 224esimo posto nella classifica mondiale, attualmente il suo best ranking, che punterà a migliorare ulteriormente al BFD Challenger di Roma.

Anche Gianluigi Quinzi , come ci ha raccontato qualche giorno fa , sarà di scena nel Challenger romano.Il 20enne marchigiano si è messo in mostra a inizio anno conquistando i quarti di finale in un futures americano, ma anche nei Challenger italiani, il giovane tennista azzurro, che da qualche mese è allenato da Ronnie Leitgeb, ha infatti raggiunto i quarti di finale a Caltanissetta e a San Benedetto del Tronto e la finale al challenger di Cordenons lo scorso agosto, dove è stato sconfitto dal giapponese Daniel, che ha poi vinto il torneo.

Ricordiamo che il BFD Challenger, secondo torneo challenger dell’ anno nella capitale, si disputerà sui campi in terra rossa del Due Ponti Sporting Club di Roma a partire da sabato 24 settembre, quando prenderanno il via le qualificazioni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here