RG day 1-2-3: Avanti a sorpresa Napolitano. Bene Seppi, Lorenzi, Errani e Bolelli. Fognini fatica in cinque. Fuori Vinci, Giorgi e Schiavone

Fatta da Julian Finney/Getty Images Europe

Tre giorni intensi per i tennisti azzurri in quel di Parigi.
Al maschile ben cinque italiani avanzano al secondo turno, eguagliato il record dell’era Open. Tra le donne sorride solo Sara Errani.

DAY 1

Come prima giornata, dal punto di vista italico, le gioie sono mancate, anzi, è aumentata la frustrazione, perchè sia Giorgi che Vinci potevano fare qualcosa in più.

Puig b. (31) Vinci 6-3 3-6 6-2
Continua il periodo nero di Roberta Vinci. La tarantina, dimostratasi abbastanza fuori forma, si è arresa alla portoricana e campionessa olimpica Monica Puig. Anche la portoricana viene da un periodo nero, però questa Vinci non è stata un grosso ostacolo per lei. Il match è andato avanti sempre allo  stesso modo, Puig aggressiva da fondo, alcune fallosa a volte, altre volte invece era Roberta ad imporre il suo gioco (sfortunatamente quasi solamente nel secondo set). Speriamo che la stagione su erba le dia maggiori soddisfazioni.

Dodin b. Giorgi 6-2 6-3
C’è veramente poco da dire su questo match, entrambe cercavano di forzare in tutti in modi. Pensate che la maggior parte dei punti durava da 1 a 4 scambi. Entrambe sono state molto fallose, però Camila ancora di più, centrando solo a sprazzi il campo.

DAY 2

Il secondo giorno è stato completamente diverso. E’ saltata fuori l’impresa di Napolitano, Bolelli è tornato a vincere un match nel circuito maggiore dall’aprile scorsi, abbiamo assistito al ritorno vincente della Errani e di Seppi, di un buon Fognini e, seppur sconfitta, di una buona Schiavone.

Napolitano b. (32) M. Zverev 4-6 7-5 6-2 6-2
Match perfetto del piemontese! Il giovane azzurro ha sempre dato l’impressione di poter compiere l’impresa. Sin dal primo set “Napo” è partito centrato però non riuscendo a trovare la giusta occasione, il tedesco d’esperienza vince questo primo set. Nel secondo Stefano sale di livello riuscendo a vincere questo secondo set. Terzo e quarto sono un assolo dell’italiano che con un tennis impeccabile da tutti i punti di vista porta a casa il primo successo in carriera in uno Slam!

(28) Fognini b. Tiafoe 6-4 6-3 3-6 1-6 6-0
Partita altalenante tra il Fogna ed il talentuoso americano. Inizia meglio Fognini, sempre aggressivo e preciso. Tutto questo dura per due set, Fabio contrasta e tiene il ritmo del suo giovane avversario. Però nel secondo e nel terzo set si spegne, lasciando libero sfogo al ‘nextgen’, che a suon di vincenti vince i due set. Si inizia a pensare il peggio, ma improvvisamente il ligure si sveglia, torna ad essere perfetto da fondo, mentre l’americano inizia un po’ a mollare. Fognini stravince il set ed approda al secondo turno.

Seppi b. Giraldo 4-6 6-1 6-2 6-2
Sul campo numero 8 si è assistita ad una partita vera solo nel primo set, dove Giraldo è stato molto più centrato e preciso mentre Seppi un po’ disorientato. Nei restanti set assistiamo ad un altro match, l’altoatesino sempre in comando del gioco che con agilità ha chiuso i 3 restanti set.

Errani b. Doi 7-6(7) 6-1
Buon match di Sara Errani che batte la sempre pericolosa Doi. Primo set un po’ altalenante, Sara vuole dimostrare di poterci stare a questi livelli, solo che la pressione e la sua avversaria non le consentono di esprimere il proprio gioco. Con grande grinta vince il primo set dopo un lungo tiebreak. Nel secondo la Doi accusa un problema fisico, allora Sara si scioglie ed inizia ad esprimere un gran tennis, in pochi minuti è 6-1 Errani.

Bolelli b. Mahut 6-4 6-2 6-2
Match perfetto di Simone Bolelli! L’italiano è stato sempre centrato, dal primo all’ultimo punto, vincendo una partita che porta morale e punti. Mahut non è stato altrettanto bravo, molto falloso e anche deconcentrato in alcuni frangenti. Buon per Simone che approda al secondo turno del French Open.

(4) Muguruza b. Schiavone 6-2 6-4
Era l’ultimo Roland Garros per Francesca Schiavone, si giocava su quel campo che 7 anni fa le ha portato il titolo e di conseguenza ha portato l’Italia e lei sul tetto del mondo con la vittoria del primo slam al femminile. La voglia di far bene era tanta, solamente che c’era una Muguruza molto determinata nel portare a casa la partita. La “Schiavo” non ha giocato per nulla male, anzi, delle volte ha deliziato i parigini come solo lei sa fare. Sfortunatamente la spagnola è stata un muro, scardinato solamente a tratti e senza riuscire a sfruttare le occasioni che Francesca si era creata. La nostra ex numero 4 del mondo dice di aver sentito una pressione paragonabile a quella di una 15enne. Francesca Schiavone esce a testa alta da questo grande torneo e si dice determinata nel voler far bene a Wimbledon.

DAY 3

L’unico azzurro in campo era Paolo Lorenzi, che non ha deluso le aspettative, vincendo il suo primo match in carriera al Roland Garros.
Lorenzi b. Berankis 6-0 6-2 6-4
Partita senza storie quella fra Lorenzi e Berankis, con il senese che sin da subito si è mostrato molto solido, non concedendo neanche un game all’avversario. Dominio netto anche nei successivi due set, con l’azzurro che è riuscito a breakkare l’avversario molto facilmente in entrambi i set e a chiudere il match col minimo sforzo.

Primo set: inizio subito ottimo dell’azzuro che brekka ad inizio set l’avversario. Con qualche difficoltà ed annullando palle break tiene il servizio e conferma il break. Berankis sembra non essere nel match, sbaglia molto e Lorenzi “butta la zampata” sull’avversario, doppio break e 3-0. Ancora problemi al servizio per Paolino, nulla di preoccupante però, il lituano spreca ancora 2 palle break. Ancora break per Paolo che va a servire per il set che chiude agevolmente con un bel dritto lungolinea.

Secondo set: inzio in equilibrio tra i due avversari, nel quinto gioco dopo 16 punti arriva il break per Lorenzi. Da qui l’azzurro tende ad alzare sempre più il livello, Berankis cerca di reagire ma non può nulla. Dominando i restanti giochi Paolo chiude il secondo set

Terzo set: inzio ancora equilibrato tra i due, solo che questa volta dura 6 giochi. A fare la differenza ancora un infinito giochi dove Paolino trova il break. Da qui si mantengono i servizi. Berankis ci riesce con fatica, Paolo invece con gran scioltezza e vince anche il terzo parziale. Lorenzi con questa vittoria sfata il tabù Roland Garros ed approda così al secondo turno.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here