Rafael Nadal: “Ho giocato Cincinnati perchè non volevo tornare a casa”

Dopo la pesante sconfitta subita da Borna Coric, Rafael Nadal, apparso in evidenti difficoltà fisiche, ha spiegato il perchè abbia deciso di giocare ugualmente il Masters 1000 statunitense, malgrado la grande stanchezza accumulata a Rio

Rafael Nadal, nella giornata di ieri, è stato estromesso dal Maters 1000 di Cincinnati dal giovane croato Borna Coric, che lo ha superato nettamente per 6-1 6-3.

Il maiorchino, nel corso della partita, è apparso stanco e provato fisicamente, tanto da chiamare il fisioterapista per un problema al braccio sinistro.

Nella conferenza stampa post match, il numero 5 ATP ha spiegato il perchè, malgrado le sue condizioni fisiche non ottimali, abbia deciso di disputare il torneo dell’Ohio: “Ho giocato qui a Cincinnati perchè non volevo tornare a casa, dove ho trascorso gli ultimi tre mesi”.

Nadal ha evidenziato inoltre come il problema al polso, pur presente, stia migliorando giorno dopo giorno, aggiungendo che la sconfitta maturata contro Coric sia frutto solamente della tanta stanchezza accumulata a Rio: “Il polso continua a farmi un male; ci vuole tempo prima che si adatti nuovamente a colpire la palla con facilità; oggi non ho perso per questo; Ero solamente molto stanco: dopo essersi allenati cosi poco non è mai facile giocare per ventitre ore in appena sette giorni”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here