Le parole di Martina Trevisan dopo il trionfo al 25,000$ di Bagnatica

Martina Trevisan ha conquistato nello scorso fine settimana il torneo ITF da 25.000$ di Bagnatica e ci ha concesso un’intervista

Martina Trevisan è la vincitrice della sesta edizione del ”Trofeo Cpz”, giocato sui campi in terra del Tennis Club Bagnatica e con un montepremi di 25,000$.
La 22enne toscana, entrata in tabellone grazie ad una wild card, ha sconfitto in finale la polacca Katarzyna Piter, quinta favorita del torneo, con il punteggio di 6-1, 5-7, 7-5, dopo una battaglia durata poco più di tre ore.
La Trevisan, sorella di Matteo (che ha anche lui alzato il trofeo questa settimana, a Piombino), ha raggiunto la semifinale senza perdere un set, eliminando, nell’ordine: la connazionale Nastassja Burnett, costretta al ritiro, (4-1); la tedesca Anna Zaja, ottava testa di serie, (7-5, 6-0); e la wild card Alberta Brianti (7-5, 6-2).
In semifinale l’inarrestabile Martina annulla due match-point alla connazionale Claudia Giovine e, dopo una maratona durata tre ore e nove minuti, conquista, con il punteggio di 6-4, 3-6, 7-6(4), la sua seconda finale in un torneo da 25,000$, che si aggiunge a quella vinta nel 2015 a Roma.

Una storia particolare quella di Martina Trevisan, che a 16 anni aveva deciso di appendere la racchetta al chiodo nonostante fosse una delle maggiori promesse del panorama tennistico azzurro. Nel 2014 è tornata sui campi riuscendo a vincere cinque titoli ITF in poco tempo, confermato il suo grande talento e le sue capacità di raggiungere alti livelli.
Con la vittoria a Bagnatica salgono a sei i titoli ITF guadagnati dalla tennista toscana, con la speranza che questo sia un ulteriore punto di ripartenza per la sua carriera.

LC: Ciao Martina e grazie per la disponibilità! Ti sei resa protagonista pochi giorni fa di una grande vittoria nel 25.000$ di Bagnatica, dove hai sconfitto in finale la più quotata Katarzyna Piter in tre set lottati.
Che sensazioni hai avuto? In semifinale ti sei resa protagonista di una partita incredibile contro Claudia Giovine, raccontaci il match!
MT: E’ stata una grande settimana, una delle più belle degli ultimi anni. Ho provato tante emozioni; ho giocato partite lottatissime, specialmente con Claudia Giovine in semifinale.
Con lei è stata una battaglia anche di nervi, eravamo entrambe stanche verso la fine del match, ma nessuna delle due mollava un singolo punto.
Ho giocato bene e mi sono sentita in buona forma durante tutta la settimana.

LC: È il tuo sesto successo a livello ITF. Che emozione si prova a vincere un torneo?
MT: Per arrivare a Bagnatica ho lavorato molto bene. Mi sono resa conto della vittoria solamente il giorno dopo, a caldo non riuscivo a realizzare ciò che avevo fatto. Sono molto felice, consapevole dei miei mezzi e carica per i prossimi impegni internazionali.

LC: Quali saranno i tuoi prossimi tornei e qual è il tuo obiettivo per questi ultimi mesi di 2016, a livello di ranking? 
MT: Dal 12 settembre giocherò il $100.000 di Biarritz, in Francia, poi dovrei fare il $50.000+H di Saint-Malo. Il mio obiettivo è quello di lavorare bene e giocare pià partite possibili; di conseguenza migliorerà anche il mio ranking.

LC: Chi ti ha seguito a Bagnatica? Menziona il team che ti segue e facci sapere con chi ti alleni.
MT: Sono seguita da Tathiana Garbin, ma a Bagnatica c’era anche Matteo Catarsi, che quando può viene a vedermi nei tornei. Non sono mancati anche mia mamma e il mio fidanzato.
Mi alleno al centro Coni di Tirrenia, ottima sede nella quale mi trovo molto bene.

LC: Subito dopo il successo in Italia sei volata a Barcellona, dove purtroppo ti sei dovuta ritirare al primo turno contro la svizzera Jil Teichmann.
MT: A Barcellona, purtroppo, ho avuto un problema alle unghie dei piedi, probabilmente a causa delle tante partite giocate nell’ultimo periodo. Sono scesa in campo ma non riuscivo a muovermi.
Sto bene, qualche giorno di riposo e poi riprenderò a giocare!

Resoconto & Intervista a cura di Federica Mussuto e Lorenzo Carini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here