Inaugurato il tetto dell’Arthur Ashe Stadium

Nella giornata di martedi, è stato inaugurato a Flushing Meadows il tetto retrattile dell’Arthur Ashe Stadium, grande novità di questa edizione degli US Open, visto che permetterà lo svolgimento dei match, almeno sul campo principale, anche in caso di maltempo.

È stato presentato a New York, nella giornata di martedi, il nuovo tetto retrattile dell’Arthur Ashe Stadium, campo principale dei prossimi Us Open, nonchè stadio più grande del mondo per capienza di spettatori (con più di 23.000 posti a sedere).

La copertura, quanto mai all’avanguardia, richiederà solo sette minuti per chiudersi e, in caso di pioggia, permetterebbe il regolare svolgimento degli incontri almeno sul campo di maggiore importanza del torneo.

L’US Open, dopo lo Slam australiano e Wimbledon, è diventato cosi il terzo Major ad avere almeno un campo coperto da tetto retrattile.

Nel corso della cerimonia di presentazione, presieduta anche da Billie Jean King, sono state inoltre mostrate tutte le altre innovazioni  di questa edizione del quarto Slam stagionale: le principali novità sono quelle relative al Grandstand, terzo campo in ordine di importanza, la cui capienza ( oggi di 8.000 spettatori) è stata incrementata del 30% rispetto al 2015 e al Louis Armstrong Stadium che verrà ampliato prima del 2018.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here