Dennis Novak: “A Milano mi sento a casa! Dominic Thiem? Diventerà il prossimo numero uno del mondo” [AUDIO]

Le parole di Dennis Novak, giovane tennista austriaco che ha superato oggi al primo turno delle qualificazioni del Challenger di Milano lo svizzero Ruppli

Abbiamo raggiunto Dennis Novak, tennista austriaco classe ’93 che ha superato oggi al primo turno di qualificazioni del Challenger di Milano il 22enne svizzero Ruppli con il netto punteggio di 6-3, 6-1 in appena un’ora di gioco.

Si è trattato senza dubbio di un match abbastanza agevole che, però, ha riservato al tennista più di qualche insidia: “Il primo incontro è sempre molto difficile da gestire in qualsiasi torneo. Le condizioni non erano facili: era molto caldo e c’era un po’ di vento ma sono comunque soddisfatto della mia prestazione”.

A preoccupare sono i doppi falli  (ben sette in otto games di servizio) e la scarsa resa con la seconda di servizio (meno del 40% dei punti), ma Novak non sembra più di tanto intimidito:Sono certo che le cose miglioreranno dal prossimo incontro. Qui a Milano mi trovo davvero molto bene. I campi sono molto rapidi e il circolo che ospita l’evento è davvero all’avanguardia”. 

Dennis cercherà, proprio qui all’ Aspria Tennis Cup, di dare continuità ai buoni risultati colti nelle ultime settimane: “Per i primi quattro mesi di 2017, sono stato infortunato e, quindi, ho potuto iniziare a giocare con una certa continuità solo da Aprile. Nell’ultimo periodo, ho vinto due tornei Future in Turchia e, quindi, sono in costante crescita: mi auguro di continuare su questa strada per migliorare anche il mio ranking”.

Capitolo conclusivo: Dominic Thiem
Lui è il mio migliore amico da oltre dieci anni. Ci sentiamo quotidianamente e siamo molto legati. In questa stagione, sta giocando ad un livello molto alto e sono certo che, se non caleranno le sue prestazioni, raggiungerà presto la vetta della classifica mondiale”. 

CLICCA QUI PER L’AUDIO INTEGRALE DELL’INTERVISTA

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here