Davis Cup: convocati e focus sull’incontro tra Polonia e Argentina, rinuncia di Janowicz!

Ci avviciniamo al week end di Coppa Davis: tre giorni ricchi di partite ed emozioni di vario genere da tutti gli angoli del pianeta.
Tra le squadre europee impegnate, la Polonia, neo promossa al World Group, dovrà dimostrare la validità della sua promozione contro una squadra ostica indipendentemente dalla superficie e dai giocatori che schiera: l’Argentina. Una squadra oltretutto che da tipica sudamericana ha sempre un occhio di riguardo nel combattere fino alla fine e nel dare il cuore e l’anima per la propria maglia.

Questo fine settimana però la compagine capitanata da Daniel Orsanic non potrà godere del favore del pubblico dovendo giocare il proprio primo turno in trasferta all’Ergo Arena di Danzica.
È proprio del campo che dovrà ospitarli che i giocatori e alcuni membri dello staff hanno sporto lamentela all’ITF: a loro detta il campo, scelto dai padroni di casa di superficie rapida per favorire un punto di forza per loro fondamentale, quale il servizio, sarebbe davvero troppo veloce.
Nonostante abbia già ospitato tre incontri di Coppa Davis, il campo incriminato è secondo Leonardo Mayer (numero uno argentino in questa sfida) “davvero rapidissimo” mentre secondo un membro dello staff argentino sarebbe “più veloce di quello che vollero i belgi l’anno scorso in semifinale”.
L’ITF ha fatto prontamente sapere che saranno effettuate tutte le dovute verifiche a riguardo.

Nelle ultime ore era parso chiaro come le condizioni fisiche di Janowicz fossero precarie, e a poco meno di 24 ore dall’inizio della sfida è arrivata la rinuncia.
Cambiano quindi le prospettive per il capitano polacco che aveva recentemente dichiarato che “Janowicz è la stella, l’arma in più della squadra polacca” e che “con lui il team cambia volto”, quindi è evidente come la sua mancata partecipazione potrà compromettere fatalmente l’esito di una sfida incerta per innumerevoli variabili che non comprendono direttamente il tennis giocato ma che sembrano più appartenere ad una strategia di mosse e contromosse ben studiata.
Ricordiamo che i convocati per la sfida al momento sono Leonardo MayerGuido Pella, Carlos Berlocq e Renzo Olivo per quanto riguarda l’argentina e Lukasz Kubot, Marcin Matkowski, Michal Przysiezny e Hubert Hurkacz per quel che concerne la squadra polacca.

L’intero incontro insomma ha alzato un gran polverone ancora prima di iniziare e questo non può che rassicurare sullo spettacolo che le due sfidanti offriranno nel week end.

Luigi Solitro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here