Cristiana Ferrando: “Sono cresciuta molto mentalmente. WTA di Guangzhou? Esperienza fantastica”

Intervista esclusiva a Cristiana Ferrando, che si racconta dopo la finale centrata all’ITF di Heraklion in Grecia

Cristiana Ferrando ha parlato della sua splendida settimana a Heraklion, superando anche qualche momento di difficoltà incontrato all’inizio del torneo. Inoltre Cristiana ha analizzato la sua stagione con una parentesi sulla Serie A1 e sul main draw ottenuto al WTA cinese di Guangzhou a settembre.

Ecco le sue parole in esclusiva

Ciao Cristiana e grazie per la disponibilità! Iniziamo parlando del tuo ultimo torneo a Heraklion, in Grecia. Hai raggiunto la finale sia in singolo che in doppio. Quali sensazioni hai ricevuto dopo quest’ottima settimana? Sei soddisfatta del tuo gioco?
Ciao e grazie a voi! Ho deciso di giocare l’ultimo torneo dell’anno a Heraklion. Ero molto stanca sia mentalmente sia fisicamente in quanto la stagione fosse ormai al termine. In particolare in quest’ultimo periodo tra Serie A e tornei ho viaggiato molto e lo stress accumulato è stato tanto. Dopo il primo match in Grecia chiamai i miei genitori e Antonella Serra Zanetti in lacrime dicendo di non farcela più, di non aver più energie per giocare il torneo. Una volta passato questo momento di esaurimento nervoso ho deciso di cercare di far del mio meglio comunque e prendere quello che veniva da questo torneo senza pretese. Il mio obiettivo era di utilizzare questa esperienza per crescere ancora di più mentalmente e devo dire che mi ritengo molto soddisfatta di questo torneo non tennisticamente, anche se ho avuto buone sensazioni, ma come persona e per come ne sono uscita di carattere. Mi è servito molto a capire quanta forza di testa e quanto carattere ho!

Dopo questo torneo la tua stagione è terminata? In generale come giudichi quest’annata? Sei contenta dei risultati ottenuti?
Sì la mia stagione è terminata, faccio qualche giorno di vacanza per poi ripartire al massimo con la preparazione invernale. Penso che quest’anno sia cresciuta tanto mentalmente e che abbia fatto tanta esperienza in più in vista del prossimo anno.

Quest’anno hai giocato le qualificazioni a due tornei WTA in Asia, Guangzhou e Wuhan, raggiungendo il main draw come lucky loser al primo. Cosa ricordi di quest’esperienza?
I due WTA a cui ho preso parte sono stati un’esperienza bellissima che mi è servita tanto. Potersi allenare durante il torneo con giocatrici fortissime come Roberta Vinci o altre ragazze comunque top 50 mi è stato più utile che giocare qualsiasi torneo ITF.

In Serie A1 giochi con il Tennis Club Cagliari, siete arrivate in semifinale playoff ma all’andata contro il Tennis Club Genova non è andata benissimo,avete infatti perso 4-0.Come ti trovi con le altre ragazze del team? Siete un gruppo molto affiatato?
Purtroppo non ho potuto giocare l’andata della semifinale playoff perché ero ancora in Grecia. Certamente non abbiamo ancora perso, noi ci crediamo fino all’ultimo e non è ancora detta l’ultima parola. Siamo un bellissimo gruppo. E’ piacevole stare assieme il weekend al di là del tennis e ci troviamo tutte molto bene assieme!

Ti sei già posta degli obiettivi per la prossima stagione? Se sì, quali sono? Cosa ti aspetti dal 2017?Sinceramente non ho aspettative per l’anno prossimo. Penso solo ad essere concentrata su quello che devo fare, su ogni allenamento sugli obiettivi di gioco e a mettere in pratica tutto quello che ho imparato in questa stagione. I risultati saranno una conseguenza.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here