Aga la Maga è tornata e trionfa a Pechino sulla neo top ten Konta

(Etienne Oliveau/Getty Images AsiaPac)

Aga-la-Maga è tornata. Agnieszka Radwanska conquista per la seconda volta il China Open, superando nell’atto conclusivo Johanna Konta e tornando a sollevare un trofeo Premier dopo oltre due anni

Agnieszka Radwanska solleva il trofeo del WTA Premier Mandatory di Pechino suggellando una settimana che l’ha vista trionfare senza nemmeno concedere un set.

La polacca ha fatto suo il match grazie ad un avvio imponente che le ha consentito un immediato vantaggio da un tardivo ingresso nel match dell’avversaria. Solo una volta sotto 2-5 la Konta è riuscita finalmente a reagire e mostrare il gioco vario ed efficace che le aveva permesso di superare Madison Keys nella combattutissima semifinale.

Fallito però l’aggancio sul 5-5, la britannica ha da quel momento riperso contatto con l’avversaria perdendo il set e gran parte delle sua fiducia, tanto da veder scivolare via anche il secondo parziale e arrivare alla stretta di mano in poco più di un’ora e mezza.

Con il successo di oggi, la Radwanska sale a quota venti titoli in carriera, diventando tra l’altro la sola quarta giocatrice ad aver conquistato un trittico di successi a livello Mandatory, dopo Serena Williams, AzarenkaSharapova.

La Konta a sua volta può alleviare la delusione per la sconfitta con la soddisfazione di aver centrato per la prima volta una finale di grande prestigio e, soprattutto, per l’ingresso tra le prime dieci giocatrici, prima britannica nella storia, garantendosi una posizione privilegiata nella corsa all’ultimo posto disponibile per le WTA Finals.

Corsa che entra nella fase determinante, con gli ultimi punti in palio nei tornei in programma nelle due settimane restanti prima della kermesse diS ingapore.

Finale WTA Premier Mandatory Pechino -> Agneszka Radwanska [3] b. Johanna Konta [11] 6-4 6-2

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here